X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 27 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Riciclaggio e autoriciclaggio anche per operazioni bancarie tracciabili

La Cassazione si è soffermata sui due reati commessi attraverso ricezione e trasferimento di assegni la cui provvista è provento di delitto

/ Maria Francesca ARTUSI

Venerdì, 24 settembre 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Secondo la giurisprudenza integra il delitto di riciclaggio la condotta di colui che, consapevolmente, ricevuti assegni la cui provvista è provento di delitto, li giri a terzi. Appare, invece, irrilevante la tracciabilità dell’operazione atteso che la ricezione delle somme portate nell’assegno e il successivo trasferimento a terzi costituiscono condotte idonee a ostacolare l’individuazione del provento delittuoso.

Con particolare riferimento alle operazioni bancarie è stato affermato che rileva ai fini del reato previsto dall’art. 648-bis c.p. il compimento di operazioni consapevolmente volte a impedire in modo definitivo, o anche a rendere difficile, l’accertamento della provenienza del denaro, dei beni o delle altre utilità. Tra di esse rientra la condotta di ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU