X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 30 novembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Rischio frode per le cessioni a viaggiatori extra Ue

Riconosciuta la compatibilità del regime di non imponibilità «interno» con la normativa comunitaria

/ Corinna COSENTINO e Emanuele GRECO

Mercoledì, 20 ottobre 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il fornitore di beni destinati a essere trasportati al di fuori della Ue dal cessionario, nei propri bagagli personali, è tenuto a verificare che tali beni siano rivolti a un utilizzo personale o familiare sulla base degli elementi presenti al momento della cessione, pena la debenza dell’IVA.
Il tema è stato affrontato dalla Corte di Cassazione, con la sentenza n. 28441, depositata il 15 ottobre 2021, esaminando le condizioni che legittimano il regime di non applicazione dell’IVA previsto per le cessioni di beni a “privati consumatori” domiciliati o residenti al di fuori del territorio Ue, trasportati nei bagagli personali, ai sensi dell’art. 38-quater del DPR 633/72.

Nel caso di specie, si contestava a una gioielleria la restituzione agli acquirenti dell’IVA ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU