X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 30 novembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Niente detrazione per gli immobili F/3, ma agevolazione piena per F/2 e F/4

Per il calcolo dei tetti massimi di spesa, se ci sono dei cambi di destinazione d’uso, ciò che rileva è la destinazione d’uso post intervento

/ Enrico ZANETTI e Arianna ZENI

Mercoledì, 20 ottobre 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Nel caso in cui, ante lavori sulle parti comuni di un edificio composto da più unità immobiliari, risultino comprese nell’edificio medesimo una o più unità immobiliari accatastate nella categoria “F/3” (“fabbricati in corso di costruzione”), la risposta a interpello Agenzia delle Entrate 17 settembre 2021 n. 609 ha affermato che non è possibile tenere conto di tali unità immobiliari ai fini della moltiplicazione dei tetti massimi “unitari” di spesa agevolata o detrazione fruibile, “in quanto trattasi di unità in via di costruzione e non di unità immobiliari esistenti”.

Sul punto, giova ricordare che, con riguardo invece agli immobili accatastati in F/2 (unità collabenti) o in F/4 (unità in corso di definizione), la circ. Agenzia delle Entrate ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU