X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 30 novembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Estesa a «chiunque» la legittimazione a ricevere l’accertamento

Il vizio è sanato quand’anche sia stata falsificata la firma del contribuente

/ Alfio CISSELLO

Mercoledì, 20 ottobre 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Sempre più raramente, quanto meno in sede di legittimità, il contribuente ha buone possibilità di vincita quando il ricorso è basato sul vizio di notifica dell’atto impositivo, a nulla rilevando, secondo la giurisprudenza più recente, che si tratti di inesistenza o di nullità.
Ove ci siano anche solo indizi sul fatto che l’atto sia entrato nella sfera di conoscibilità del contribuente, il vizio di notifica viene ritenuto tendenzialmente irrilevante.

Così, sono considerate valide le notifiche eseguite mediante corrieri privati nel contesto ante L. 190/2014, e lo stesso vale per le notifiche eseguite nelle mani di qualsiasi persona si trovi negli uffici di una persona giuridica in quanto si presume legittimata alla ricezione degli atti.

Questo principio, ispirato alla prevalenza della ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU