X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 21 gennaio 2022 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Non indennizzabile l’infortunio durante la pausa caffè

Manca infatti il nesso eziologico tra rischio e attività di lavoro

/ Giada GIANOLA

Giovedì, 11 novembre 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 32473/2021, ha statuito che non è indennizzabile l’infortunio occorso al lavoratore in occasione della c.d. “pausa caffè” al bar durante l’orario di lavoro, ciò in quanto mancherebbe il nesso causale con l’attività lavorativa svolta. La pausa caffè non rappresenta, infatti, un bisogno fisiologico, ma una necessità procrastinabile che il dipendente sceglie di soddisfare in modo del tutto autonomo e volontario.

Nel caso di specie la lavoratrice, dipendente di una Procura della Repubblica con orario lavorativo continuato dalle 9 alle 15, si era recata a piedi, con le colleghe, verso la metà della mattinata lavorativa, in un bar nelle vicinanze dell’ufficio per la pausa caffè, timbrando opportunamente il cartellino in ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU