X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 7 dicembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Raddoppio dei termini anche per i soci della società estinta

Dalla sentenza della Cassazione emerge però confusione tra l’art. 2495 c.c. e l’art. 36 del DPR 602/73

/ Andrea CARINCI e Maria FRETTO

Venerdì, 26 novembre 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il raddoppio dei termini di accertamento per le violazioni con obbligo di denuncia ex art. 331 c.p.p., non si applica solo alla società, che ha commesso la violazione, ma anche ai suoi soci, responsabili a seguito dell’estinzione di detta società. Ciò è quanto statuito dalla Cassazione nella sentenza n. 29548 del 22 ottobre 2021.
Tale soluzione, tuttavia, non convince.

Leggendo la sentenza, non è chiaro il titolo con cui è stata vantata la responsabilità dei soci, se l’art. 36 del DPR 602/1973 oppure l’art. 2495 c.c. Dai motivi di ricorso sembrerebbe, in verità, che l’Agenzia abbia operato alla stregua dell’art. 36; il ragionamento condotto dalla Corte, di contro, appare incentrato esclusivamente sull’art. 2495 c.c. Sennonché, le due previsioni esigono ragionamenti ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU