X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 7 dicembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Spese anticipate in nome e per conto da documentare analiticamente

Peraltro la conservazione dei giustificativi non sembra sempre indispensabile

/ Luca FORNERO

Venerdì, 26 novembre 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con l’ordinanza n. 36584 di ieri, la Suprema Corte si sofferma sulle modalità di documentazione delle spese anticipate dal professionista in nome e per conto del cliente, tema scarsamente approfondito dalla dottrina e dalla prassi.

Innanzitutto, si ricorda che i rimborsi di tali oneri non concorrono alla formazione della base imponibile IVA (ex art. 15 comma 1 n. 3) del DPR 633/72), né del reddito di lavoro autonomo (circ. Agenzia Entrate n. 58/2001, § 2.2), a condizione che, sotto l’aspetto sostanziale, si tratti di costi che non costituiscono il mezzo per assolvere l’incarico, bensì l’oggetto del mandato stesso (es.: pagamento per conto del cliente di imposte o altre somme, adempimento di formalità in nome e per conto del cliente, ecc.).

Inoltre, sotto l’aspetto ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU