Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 1 luglio 2022 - Aggiornato alle 6.00

CONTABILITÀ

Oneri accessori per l’acquisto di partecipazioni da spesare a Conto economico

Il comportamento contabile assume rilevanza fiscale in forza del principio di derivazione rafforzata

/ Silvia LATORRACA

Mercoledì, 18 maggio 2022

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il documento n. 2 del Think Tank di STS Deloitte analizza il trattamento contabile e fiscale, in capo sia ai soggetti OIC che ai soggetti IAS/IFRS, degli oneri accessori sostenuti per l’acquisto di partecipazioni.
Si fa riferimento, in particolare, ai costi per: due diligence sulla società target; predisposizione di contratti e documenti necessari al perfezionamento dell’operazione (spese notarili, compensi professionali, legali, ecc.); provvigioni agli intermediari.

Nell’ambito dei principi contabili internazionali e avuto riguardo alle partecipazioni non qualificate, secondo l’IFRS 9, le altre attività finanziarie non valutabili al costo ammortizzato sono valutate al Fair Value to Profit or Loss (FVTPL) e i costi di transazione sostenuti per il loro acquisto sono contabilizzati ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU