Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 1 luglio 2022 - Aggiornato alle 6.00

PROFESSIONI

Professioni spaccate sull’equo compenso

Gli Ordini spingono per approvare senza modifiche il testo della Camera, le componenti sindacali chiedono di eliminare le sanzioni disciplinari

/ Savino GALLO

Giovedì, 19 maggio 2022

x
STAMPA

download PDF download PDF

Professioni spaccate sul disegno di legge riguardante l’equo compenso che, dopo l’approvazione alla Camera (avvenuta a ottobre 2021), è ormai da 6 mesi all’esame del Senato. Ieri, in Commissione Giustizia di palazzo Madama, è continuata la discussione sulle proposte di modifica al provvedimento, su cui, però, manca ancora il parere della Commissione Bilancio in merito alle eventuali coperture.

Ma è proprio sulle modifiche al testo approvato alla Camera che si è riaccesa la discussione in seno alle professioni. Le componenti sindacali spingono perché si intervenga su alcuni punti del provvedimento, in particolare l’art. 5 che affida agli Ordini non solo la possibilità di aggiornare i parametri (con cadenza biennale) e di adire l’autorità giudiziaria, ma anche di

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU