ACCEDI
Domenica, 16 giugno 2024

ECONOMIA & SOCIETÀ

Nell’usufrutto congiuntivo niente indennità per miglioramenti se muore il contitolare

Illegittima la pretesa di indennizzo avanzata dagli eredi contro il nudo proprietario

/ Anita MAURO e Carmela NOVELLA

Martedì, 21 novembre 2023

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con l’ordinanza n. 28202 del 6 ottobre 2023, la Cassazione ha enunciato il principio secondo cui, nel caso di usufrutto c.d. congiuntivo, il diritto all’indennità ex art. 985 c.c. non si trasmette mortis causa agli eredi del contitolare che abbia apportato miglioramenti e/o addizioni alla cosa, atteso che, in tale ipotesi, il decesso del de cuius determina non già l’estinzione dell’usufrutto ex art. 979 c.c., bensì l’accrescimento del diritto dei cousufruttuari superstiti.

Nella concreta fattispecie vagliata dalla Suprema Corte, Tizio aveva donato ai tre figli Caio, Sempronio e Mevia la nuda proprietà di un terreno, ritenendo per sé e per la moglie il diritto di usufrutto, vita natural durante e con reciproco diritto di accrescimento.
In seguito alla donazione, Caio ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU