ACCEDI
Martedì, 27 febbraio 2024 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Prelievi dei soci «sospetti» se eccedenti l’utile conseguito dalla società

/ Alfio CISSELLO

Giovedì, 23 novembre 2023

x
STAMPA

download PDF download PDF

Nell’ambito delle società di persone, i prelievi dei soci effettuati durante l’anno possono dare luogo a criticità sul versante fiscale se eccedenti l’utile conseguito dalla società.
La parte eccedente l’utile potrebbe essere ritenuta un utile conseguito dalla società in evasione di imposta, quindi da tassare in capo al socio in ragione della trasparenza, oppure l’ammontare prelevato potrebbe essere riqualificato in compenso spettante per l’attività di amministrazione della società, per i soci amministratori.

L’art. 2303 c.c. prevede per le snc e, in ragione del rinvio dell’art. 2315 c.c., per le sas, il divieto della distribuzione degli utili fittizi: non è quindi possibile dare luogo a ripartizione di somme tra soci se non per utili realmente ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU