ACCEDI
Martedì, 27 febbraio 2024 - Aggiornato alle 6.00

IL PUNTO / PROCEDURE CONCORSUALI

Il Codice della crisi ridisegna il procedimento di riparto

L’inutile doppio deposito, chiesto da alcuni tribunali nel fallimento, è anacronistico

/ Saverio MANCINELLI

Giovedì, 23 novembre 2023

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il curatore, dopo il decreto di esecutività dello stato passivo e ogni qualvolta esistano somme che consentano una ripartizione apprezzabile, deve redigere il “prospetto delle somme disponibili” e un “progetto di ripartizione” delle medesime.

Il prospetto delle somme disponibili è la rappresentazione (statica) della provenienza degli importi realizzati e del loro ammontare, delle spese sostenute, dei pagamenti fatti, del saldo del conto della procedura e della somma che si intende ripartire, in modo da individuare qual è il netto distribuibile ai creditori.

Il progetto di ripartizione è articolato in più fasi (dinamiche), tra cui: la tenuta di una contabilità speciale per i singoli beni gravati da garanzie; l’imputazione delle spese specifiche e della quota di spese

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU