ACCEDI
Martedì, 21 maggio 2024 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Per la residenza fiscale maggiori rischi legati alla presenza fisica

L’accertamento sulla cantante Shakira è stato motivato dalla presenza in Spagna per oltre 183 giorni

/ Luisa CORSO e Gianluca ODETTO

Martedì, 21 novembre 2023

x
STAMPA

download PDF download PDF

La notizia dell’intervenuto patteggiamento tra la cantante colombiana Shakira e il Fisco spagnolo mette in luce linee di tendenza che, pur con gli ovvi distinguo che si devono alle situazioni individuali, potrebbero caratterizzare nel futuro prossimo in modo maggiormente frequente i rapporti con l’Amministrazione italiana.

Il caso Shakira nasce dalla contestazione, mossa dal Fisco spagnolo, in merito alla residenza fiscale per le annualità 2012, 2013 e 2014, che le Autorità di Madrid intendevano fissare in Spagna in virtù della permanenza in Spagna della cantante in compagnia dell’allora marito, l’ex calciatore del Barcellona e della nazionale iberica Gerard Piqué.
Shakira aveva successivamente dichiarato la residenza fiscale spagnola solo dall’anno 2015.

Nel corso ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU