ACCEDI
Lunedì, 4 marzo 2024 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Per il fallimento dell’impresa agricola non rileva la disciplina fiscale

Necessario valutare in concreto l’attività commerciale a prescindere dall’oggetto sociale

/ Antonio NICOTRA

Mercoledì, 29 novembre 2023

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con sentenza n. 32977 depositata ieri, la Cassazione è ritornata sul tema della fallibilità dell’impresa agricola, precisando come la qualifica di un’attività d’impresa come commerciale o agricola deve operarsi secondo le norme del codice civile e della legge fallimentare, non rilevando invece le discipline settoriali, incluse quelle fiscali o contributive, che concepiscono l’impresa agricola in un’accezione insuscettibile di applicazione generale.

I giudici analizzano, in primo luogo, il quadro normativo, ricordando come l’art. 2135 comma 1 c.c. definisca “agricolo” l’imprenditore che eserciti, anche alternativamente, le attività di “coltivazione del fondo, selvicoltura, allevamento di animali e attività connesse”, salve le precisazioni

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU