ACCEDI
Sabato, 20 aprile 2024 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

L’evasione fiscale giustifica la sproporzione dei beni tra il 2014 e il 2017

Le Sezioni Unite delineano l’applicabilità temporale della confisca allargata

/ Maria Francesca ARTUSI

Sabato, 24 febbraio 2024

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il divieto previsto per la confisca allargata (art. 240-bis c.p.) di giustificare la legittima provenienza dei beni, sul presupposto che il denaro utilizzato per acquistarli sia provento o reimpiego dell’evasione fiscale, si applica anche ai beni acquistati prima del 19 novembre 2017, cioè del giorno di entrata in vigore di tale istituto, introdotto dall’art. 31 della L. 161/2017.

Fanno eccezione i beni acquisiti tra il 29 maggio 2014 – data della pronuncia delle Sezioni Unite n. 33451/2014 con cui si è stabilito che, ai fini della confisca di prevenzione (art. 24 del DLgs. 159/2011), per individuare il presupposto della sproporzione tra i beni posseduti e le attività economiche del soggetto socialmente pericoloso, non deve tenersi conto anche dei proventi dell’evasione fiscale

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU