ACCEDI
Mercoledì, 17 aprile 2024 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

IVA addebitata in eccesso con sanzione fissa per ogni fattispecie

La detrazione rimane però parametrata all’imposta effettivamente spettante

/ Alfio CISSELLO

Mercoledì, 28 febbraio 2024

x
STAMPA

download PDF download PDF

Nella versione attuale, l’art. 6 comma 6 secondo periodo del DLgs. 471/97 prevede, per il cessionario/committente, una sanzione fissa da 250 a 10.000 euro se detrae l’imposta “in misura superiore a quella effettiva, erroneamente assolta dal cedente o prestatore”, ferma la detrazione dell’imposta stessa.
Si tratta del caso in cui la controparte, per errore, addebiti un’IVA superiore per errore di aliquota oppure applichi l’IVA per operazioni esenti, non imponibili oppure escluse.

Questa norma, introdotta dalla L. 205/2017, aveva l’evidente intento di evitare che il cessionario subisse due sanzioni (indebita detrazione e dichiarazione infedele) per aver detratto un’IVA che, in realtà, non era tale.
Inoltre, si voleva evitare che, in ragione del ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU