ACCEDI
Sabato, 13 aprile 2024 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Risarcimento del danno ulteriore incompatibile con la caparra

/ Anita MAURO

Mercoledì, 3 aprile 2024

x
STAMPA

download PDF download PDF

La caparra confirmatoria è una pattuizione molto frequente, nella contrattualistica, eppure la sua operatività presenta ancora alcuni aspetti critici.
Si tratta di una somma che viene corrisposta al momento della stipula di un contratto (rispetto al quale è accessoria), allo scopo di regolare, riguardo ad entrambi i contraenti, le conseguenze dell’inadempimento.

Il funzionamento della caparra è definito dall’art. 1385 c.c., che, al comma 1, spiega: “se al momento della conclusione del contratto una parte dà all’altra, a titolo di caparra, una somma di danaro o una quantità di altre cose fungibili, la caparra, in caso di adempimento, deve essere restituita o imputata alla prestazione dovuta”.
Quindi, posto che la caparra assume la funzione di liquidazione anticipata ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU