ACCEDI
Martedì, 25 giugno 2024 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Vendita del marchio condizionata al pagamento del prezzo con registro proporzionale

Non si applica la disciplina prevista per gli atti soggetti a condizione, che scontano solo l’imposta fissa alla registrazione

/ Anita MAURO

Sabato, 23 marzo 2024

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il contratto di cessione del marchio, contenente una condizione sospensiva (art. 1353 c.c.) che subordina il trasferimento del marchio alla condizione del versamento del saldo prezzo entro una determinata data, sconta l’imposta di registro proporzionale prevista per il contratto in oggetto (3% ex art. 9 della Tariffa, parte I, allegata al DPR 131/86) già alla registrazione. Ciò in quanto la condizione apposta al contratto deve essere qualificata come meramente protestativa e trova, quindi, applicazione l’art. 27 comma 3 del DPR 131/86 che, in caso vendita con riserva di proprietà (art. 1523 c.c.) o di atto sottoposto a condizione che ne fa dipendere gli effetti dalla mera volontà dell’acquirente, impone di applicare l’imposta di registro come se la condizione non fosse ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU