X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 26 giugno 2019 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Ultimi giorni per la domanda di definizione delle liti

Entro il 31 maggio occorre presentare la domanda e versare le somme o la prima rata

/ Alfio CISSELLO

Lunedì, 27 maggio 2019

Si avvicina la data del 31 maggio, entro cui, per poter definire la lite pendente ai sensi dell’art. 6 del DL 119/2018, occorre sia presentare la domanda di definizione sia pagare tutte le somme o la prima rata.
Rammentiamo che la definizione è circoscritta alle liti su atti impositivi (con esclusione di quelli solo liquidatori, anche se spesso è controversa tale individuazione) in cui risulta controparte l’Agenzia delle Entrate, nella misura in cui il ricorso introduttivo sia stato notificato entro il 24 ottobre 2018.

La definizione causa i seguenti benefici:
- se l’Agenzia delle Entrate è rimasta soccombente in primo grado, si paga il 40% delle imposte, con stralcio di sanzioni e interessi;
- se l’Agenzia delle Entrate è rimasta soccombente in secondo grado, si paga il ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU