X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 19 settembre 2019 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Il trust resta fiscalmente interposto se revocabile dal disponente

Non bastano le modifiche all’atto istitutivo se l’autonomia del trustee è molto limitata

/ Anita MAURO

Giovedì, 12 settembre 2019

La risposta ad interpello n. 381 dell’Agenzia delle Entrate, pubblicata ieri, concerne l’interposizione fiscale del trust.
In particolare, l’istante aveva chiesto di valutare nuovamente il trust da lui costituito, che era già stato oggetto di un precedente interpello, dal quale era stato giudicato fittiziamente interposto, a causa dell’eccessivo coinvolgimento del disponente nelle decisioni del trustee.
L’istante, però, chiede una nuova valutazione del trust, atteso che egli intende modificare l’atto istitutivo, in modo da conferire al trustee un più ampio ed autonomo potere gestorio. 

L’Agenzia, in primo luogo, ricorda che, ai sensi dell’art. 73 del TUIR, il trust configura un soggetto passivo IRES. Tuttavia, affinché il trust possa essere

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU