X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 15 agosto 2020 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Contrasti interpretativi sul regime CFC quando sono coinvolti soggetti terzi

/ Luca MIELE

Sabato, 23 maggio 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Uno dei dubbi interpretativi più significativi riguardanti l’applicazione del nuovo regime di tassazione delle imprese estere controllate (CFC rules), più volte affrontato anche su Eutekne.info, riguarda la corretta individuazione dei passive income e, in particolare, il superamento del test in caso di beni e servizi a basso valore aggiunto.
Nell’elenco dei proventi che possono configurare passive income sono inclusi quelli derivanti da operazioni di compravendita di beni e prestazioni di servizi infragruppo con valore economico aggiunto scarso o nullo (art. 167, comma 4, lett. b), nn. 6) e 7) del TUIR).

Il tema tuttora oggetto di contrasti interpretativi riguarda i casi in cui la compravendita di beni e servizi coinvolge società del gruppo ma anche soggetti terzi. Si pensi, ad esempio,

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU