X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 9 marzo 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Il Regno Unito «scarica» le comunicazioni DAC 6 sugli altri Stati

Intermediari inglesi obbligati a comunicare le sole operazioni che compromettono lo scambio dei dati dei conti e occultano il titolare effettivo

/ Gianluca ODETTO

Lunedì, 25 gennaio 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Nel caos post Brexit, una situazione particolarmente delicata riguarda le comunicazioni DAC 6 che hanno a oggetto i rapporti con il Regno Unito. Come si ricorderà, infatti, la direttiva 2018/822/Ue ha posto una netta distinzione tra due ambiti territoriali:
- da una parte, l’Unione europea e gli Stati non comunitari che hanno stipulato un accordo per lo scambio dei dati delle operazioni “pericolose” ai sensi della direttiva stessa (c.d. “accordi MDR”);
- dall’altra parte, il resto degli Stati privi di accordi MDR.

Questa distinzione risulta decisiva, in primo luogo, per la valutazione delle cause di esonero dagli obblighi di comunicazione. Con riferimento all’Italia, ad esempio, l’art. 3 comma 3 del DLgs. 100/2020 esonera gli intermediari (professionisti ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU