X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 28 luglio 2021 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

L’estratto di ruolo non interrompe la prescrizione

/ Alfio CISSELLO

Mercoledì, 23 giugno 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

La prescrizione è, forse, il vizio che assume maggiore rilievo nelle liti contro gli atti successivi alla cartella di pagamento o all’accertamento esecutivo, insieme ai vizi di legittimità dell’ipoteca esattoriale e del fermo dei beni mobili registrati.

Un’eccezione che spesso viene opposta dalla controparte, quindi da Agenzia delle Entrate-Riscossone o Riscossione Sicilia spa, consiste nel fatto che, siccome ci sono stati atti interruttivi della prescrizione, questa non si può ritenere formata.
L’art. 2943 comma 2 c.c. prevede che la prescrizione sia interrotta da ogni atto che valga a costituire in mora il debitore. Il precetto va coordinato con l’art. 1219 c.c., secondo cui “Il debitore è costituito in mora mediante intimazione o richiesta fatta per iscritto ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU