X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 26 settembre 2021 - Aggiornato alle 11.50

NOTIZIE IN BREVE

Pagamenti per evitare il fallimento fuori dalla bancarotta preferenziale

/ REDAZIONE

Sabato, 31 luglio 2021

x
STAMPA

La Cassazione, nella sentenza n. 29874/2021, ha precisato come l’elemento soggettivo del delitto di bancarotta preferenziale sia costituito dal dolo specifico.
Dolo ravvisabile quando l’atteggiamento psicologico del soggetto agente sia rivolto a preferire intenzionalmente un creditore, con concomitante riflesso, anche secondo lo schema tipico del dolo eventuale, nel pregiudizio per altri.

Peraltro, se il fallito provvede al pagamento di crediti privilegiati, la configurabilità del reato di bancarotta preferenziale presuppone il concorso di altri crediti con privilegio di grado prevalente o uguale rimasti insoddisfatti per effetto dei pagamenti effettuati e non già di qualsiasi altro credito.

Deve, invece, escludersi il dolo specifico quando l’imprenditore soddisfi taluni debiti al solo fine di evitare il pericolo della presentazione di istanze di fallimento o, comunque, nella certezza o nella fondata convinzione di riuscire a far fronte, anche se in un secondo momento, a tutte le posizioni debitorie. In tale ipotesi, infatti, manca l’intenzione di “favorire”, ossia il dolo specifico richiesto dalla norma.
In particolare, il dolo specifico è stato ritenuto non ravvisabile allorché il pagamento sia volto, in via esclusiva o prevalente, alla salvaguardia dell’attività sociale o imprenditoriale e il risultato di evitare il fallimento possa ritenersi più che ragionevolmente perseguibile.

TORNA SU