X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 27 gennaio 2022 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Dimissioni dell’amministratore da comunicare al presidente del Collegio sindacale

L’omessa comunicazione scritta può essere «sanata» dall’acquisizione della effettiva conoscenza

/ Maurizio MEOLI

Lunedì, 29 novembre 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Le dimissioni di un consigliere di amministrazione di spa hanno effetto solo se comunicate per iscritto sia al CdA che al presidente del Collegio sindacale ex art. 2385 comma 1 primo periodo c.c. Diversamente, la fattispecie non può dirsi perfezionata, salvo che non si acquisisca la piena prova della effettiva conoscenza da parte del destinatario cui la comunicazione non sia stata formalmente inviata. Ad affermarlo è il Tribunale di Milano nel provvedimento del 23 febbraio 2021.

Nel caso di specie, esemplificato ai fini del presente commento, in una spa con un CdA composto da 5 membri, il consigliere Tizio comunicava le proprie dimissioni ai soli amministratori nel gennaio del 2019. Nel successivo mese di giugno rassegnava le proprie dimissioni anche Caio (altro componente del CdA). L’assemblea ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU