X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 21 gennaio 2022 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Il cessionario del superbonus risponde per indebita compensazione al 30%

Il credito inesistente può configurarsi ma in casi residuali

/ Alfio CISSELLO

Lunedì, 29 novembre 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

In tema di superbonus 110%, il cessionario del credito, sia in caso di sconto in fattura che di cessione vera e propria del credito, risponde, fermo restando il concorso nella violazione e ferma restando la solidarietà, per le sole violazioni inerenti alla compensazione, non per ogni profilo riguardante la non spettanza della detrazione.
Ad esempio, potrà essere sanzionato se non sono presenti i requisiti formali per compensare o i limiti specifici per questa forma di compensazione (“Il credito d’imposta è usufruito con la stessa ripartizione in quote annuali con la quale sarebbe stata utilizzata la detrazione. La quota di credito d’imposta non utilizzata nell’anno non può essere usufruita negli anni successivi, e non può essere richiesta a rimborso”).

Non è immediatamente ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU