X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 7 dicembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Proporzionalità del licenziamento disancorata dal contratto collettivo

Il giudice deve valutare ogni aspetto concreto della vicenda esaminando una serie di parametri differenti dalla configurazione della contrattazione

/ Giosafat RIGANÒ

Venerdì, 26 novembre 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con la sentenza n. 34422/2021 la Corte di Cassazione ha ribadito un importante principio in materia di licenziamento disciplinare, ai fini della valutazione della proporzionalità: “Il giudice ... non può limitarsi a verificare se il fatto addebitato sia riconducibile ad una previsione contrattuale, essendo comunque tenuto a valutare in concreto la condotta addebitata”.
In sostanza, la proporzionalità del licenziamento non deve essere necessariamente valutata alla luce delle indicazioni contenute nella contrattazione collettiva e, dunque, non è indispensabile ricercare un’ipotesi che si possa attagliare a quanto oggetto della contestazione disciplinare.

Del resto, nel nostro ordinamento non esiste un principio generale secondo cui il licenziamento disciplinare è proporzionato ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU