X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 27 gennaio 2022 - Aggiornato alle 6.00

LETTERE

Valutiamo la richiesta di risarcimento patrimoniale in caso di ulteriori ricorsi

Venerdì, 14 gennaio 2022

x
STAMPA

Gentile Redazione, 
non sono solito scrivere ai giornali e non sono efficace nell’illustrare aspetti, prerogative, opportunità perché sono sempre troppo sintetico nell’esprimere concetti e di questo me ne scuso.
Arrivo così inevitabilmente al punto.

Mentre scrivo siamo in attesa di ricevere l’Informativa ufficiale (poi diffusa ieri in serata, si veda “Alle elezioni locali voto telematico per tutti” di oggi) che individui nuove date per le elezioni territoriali degli Ordini come pure le modalità di voto (Mantova ha da subito aderito alle votazioni da remoto).

In molti, anche su queste colonne, hanno scritto che è arrivato il momento di dire BASTA! Come non essere d’accordo. Mi limito solo a dire che certamente le indicazioni che arriveranno saranno – come tutte – perfettibili; ora però dobbiamo mettere sul piatto della bilancia se è bene andare subito al voto a scapito di qualche diritto oppure se è ancora opportuno continuare a dar sfoggio di conoscenze giuridiche sul dritto amministrativo (verificatasi una vera giungla) a danno dei diritti di moltissimi iscritti che si aspettano un consiglio territoriale rinnovato ed un Consiglio Nazionale operativo.

Io non ho dubbi. Andiamo al voto, costi quel che costi. La tutela di un diritto è principio nobilissimo, ma oggi non è possibile immaginare di continuare a congelare l’attività istituzionale prevista per i circa 120.000 iscritti.

Così rincaro. Per assoluta trasparenza segnalo che qualora emergessero ancora impugnative (e spero vivamente di no), chiederò al Consiglio dell’Ordine di Mantova di valutare la possibilità di incaricare formalmente un legale che possa esprimersi sul fatto che l’Ordine locale possa concretamente e fondatamente formulare, in diritto e solo in diritto, richieste di risarcimento di natura patrimoniale a carico di prossimi ricorrenti (ogni Ordine ha già sostenuto ripetutamente costi per elezioni programmate e più volte sospese ed altri ne sosterrà!). Ad un diritto verrebbe così a contrapporsi altro diritto.
Probabilmente siamo in molti ad iniziare a pensarla in questo modo.


Stefano Ficarelli
Presidente ODCEC di Mantova


TORNA SU