Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 19 maggio 2022 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Ravvedimento anche per le condotte fraudolente

Per l’omessa dichiarazione occorre pagare le sanzioni piene se si sforano i 90 giorni

/ Alfio CISSELLO

Venerdì, 13 maggio 2022

x
STAMPA

download PDF download PDF

Ieri l’Agenzia delle Entrate ha pubblicato la circolare n. 11, con la quale è stato finalmente “sdoganato” il ravvedimento per le condotte di natura fraudolenta, così come ammesso dal legislatore penale.

Sin dalla circolare n. 180 del 1998, l’Amministrazione finanziaria ha sostenuto come il ravvedimento operoso sia ontologicamente incompatibile con le violazioni di natura dolosa, in quanto intenzionali. Non si potrebbe, in breve, trattare di errori commessi dal contribuente, siccome espressamente voluti.
Questa tesi, a dire il vero criticabile, ha trovato il dissenso del legislatore, che, modificando gli artt. 13 e 13-bis del DLgs. 74/2000, espressamente ha ammesso che, proprio tramite ravvedimento operoso, si possa pagare il dovuto fruendo, a seconda delle circostanze, ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU