ACCEDI
Martedì, 16 luglio 2024 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Nota di credito «interna» per i buoni sconto nei rapporti indiretti

/ Corinna COSENTINO e Simonetta LA GRUTTA

Martedì, 3 ottobre 2023

x
STAMPA

download PDF download PDF

Molte delle operazioni promozionali messe in atto nel commercio al dettaglio prevedono l’emissione di buoni sconto a favore di privati consumatori. Un caso tipico è quello in cui il consumatore, a fronte dell’acquisto di prodotti fino a un importo determinato, ottiene un buono che può utilizzare come sconto sugli acquisti successivi di prodotti dello stesso marchio.

Sotto il profilo IVA, un buono sconto è uno strumento che essenzialmente conferisce al possessore il diritto di ottenere una riduzione del prezzo di acquisto di beni e servizi. Il suo utilizzo ha dunque l’effetto di ridurre la base imponibile della cessione o prestazione per l’importo degli sconti previsti dal buono, al netto dell’IVA (cfr. risposta a interpello Agenzia delle Entrate n. 341/2023).

Occorre ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU