ACCEDI
Martedì, 27 febbraio 2024 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Incentivo giovani da non restituire con rapporto riqualificato se c’è buona fede

Esonero contributivo precluso se il titolare del rapporto riqualificato e il datore che beneficia dell’agevolazione sono la stessa persona

/ Daniele SILVESTRO

Sabato, 25 novembre 2023

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il datore di lavoro che in buona fede ha fruito dell’esonero contributivo per l’assunzione di giovani con contratto a tempo indeterminato non è tenuto alla restituzione dell’agevolazione in caso di successivo accertamento dell’esistenza di un rapporto riqualificato in un contratto a tempo indeterminato presso un diverso datore di lavoro. L’incentivo deve essere invece restituito in caso di coincidenza tra datore di lavoro che ha fruito dell’incentivo e datore di lavoro titolare del rapporto riqualificato.
Lo ha chiarito l’INPS con il messaggio n. 4178 di ieri, 24 novembre 2023, con cui è intervenuto fornendo un importante chiarimento sul requisito dell’assenza di rapporti di lavoro a tempo indeterminato in caso di riqualificazione di un precedente

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU