ACCEDI
Mercoledì, 17 aprile 2024 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Cessione intracomunitaria di beni con destinatario incerto a rischio IVA

I giudici Ue si pronunciano sulla normativa precedente alle novità della direttiva 2018/1910/Ue

/ REDAZIONE

Venerdì, 1 marzo 2024

x
STAMPA

download PDF download PDF

Se un fornitore ha ceduto beni con trasporto in un altro Stato membro dell’Ue, l’operazione non è “esente” IVA qualora tale soggetto non abbia dimostrato che le merci sono state cedute a un destinatario in possesso dello status di soggetto passivo in quest’ultimo Paese e se, considerate le circostanze di fatto e gli elementi forniti dal fornitore, mancano i dati necessari per verificare la sussistenza della predetta qualità in capo al destinatario.
Si tratta di quanto sancito dalla Corte di Giustizia dell’Ue nella sentenza pubblicata ieri, 29 febbraio 2024, relativa alla causa C-676/22.

Il caso esaminato riguarda una società ceca che aveva effettuato diverse cessioni di beni, asseritamente intracomunitarie, con destinazione in Polonia. Secondo l’autorità ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU