ACCEDI
Mercoledì, 29 maggio 2024 - Aggiornato alle 6.00

IL PUNTO / FISCALITÀ INTERNAZIONALE

Possibili novità sulla detrazione delle imposte estere in caso di omissioni

Il lavoro ricognitivo del Ministero pare prospettare il ritorno altresì generalizzato di una misura a favore dei lavoratori

/ Emanuele LO PRESTI VENTURA

Mercoledì, 17 aprile 2024

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il riconoscimento alle persone residenti in Italia della detrazione dall’IRPEF o dall’IRES della tassazione scontata all’estero sui redditi ivi prodotti soggiace alle diverse condizioni fissate dall’art. 165 del TUIR.
Tra di esse, di particolare rilievo è quella di cui al comma 8, in ragione della quale il contribuente deve aver presentato la dichiarazione dei redditi e deve altresì aver indicato in essa quelli prodotti al di fuori del nostro Paese.

Se in ragione di tale dato normativo ogni omissione rimane assai spesso uno scoglio insuperabile (si veda, ad esempio, Cass. 31 luglio 2023 n. 23190), nondimeno si ricorda come la carenza della dichiarazione o dei redditi esteri non è stata ritenuta ostativa da una certa giurisprudenza, propensa in taluni casi a riconoscere ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU