X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 6 aprile 2020 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

L’indiretta cessione d’azienda si difende dall’art. 53-bis

/ Enrico ZANETTI

Venerdì, 17 settembre 2010

La cessione di un complesso aziendale, sotto forma di partecipazione ricevuta nella società in cui si è previamente conferita l’azienda, consente alle parti di conseguire risparmi fiscali sia ai fini delle imposte sul reddito sia ai fini delle imposte d’atto.
La liceità dei primi non può essere messa in discussione, stante il perentorio disposto del comma 3 dell’art. 176 del TUIR (si veda
Conferimento d’azienda «blindato» per le imposte sul reddito” del 10 settembre 2010)
La liceità dei secondi, viceversa, è sistematicamente messa in discussione dell’Amministrazione finanziaria, la quale fa storicamente leva sul disposto dell’art. 20 del DPR 131/1986 (si veda “Conferimento d’azienda e successiva cessione con incognita registro” ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU