X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 21 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

I confini dell’abuso del diritto vanno rimeditati

La Provinciale di Reggio Emilia formula alcuni rilievi critici in materia, ponendosi in contrasto con la consolidata giurisprudenza di legittimità

/ Alberto MARCHESELLI

Lunedì, 17 giugno 2013

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con la “coraggiosa” e sentenza 140/03/13, la Commissione tributaria provinciale di Reggio Emilia si pone in motivato e consapevole contrasto con la consolidata giurisprudenza della Cassazione in materia di abuso del diritto, gettando meritevolmente un “grosso sasso” nello stagno del dibattito giuridico sulla materia.

Il caso era da manuale: un notaio aveva costituito con la moglie una società e questa, da un lato, aveva preso in leasing lo studio concedendolo in locazione al professionista e, dall’altro, aveva fatturato alcune prestazioni (di presentazione di dichiarazioni per i clienti) valendosi di dipendenti del notaio, che nulla aveva rifatturato alla società.
L’Agenzia ritiene che la prima frazione dell’operazione sia un abuso, perché elude il divieto ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU