X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 21 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

L’amministratore giudiziario non è ausiliario del magistrato

Il provvedimento che ne liquida i compensi può essere impugnato solo mediante opposizione ex art. 645 c.p.c.

/ Maurizio MEOLI

Venerdì, 2 agosto 2013

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’amministratore giudiziario nominato nell’ambito del procedimento di denunzia al Tribunale, ex art. 2409 c.c., per la natura stessa dell’attività che gli è demandata dal giudice, e che si concreta nella gestione della società strumentale al ripristino del suo corretto funzionamento, non rientra nella categoria degli ausiliari del magistrato. La precisazione è fornita dalla Cassazione, nella sentenza n. 18080 del 25 luglio scorso, e presenta rilevanti conseguenze in relazione ai rimedi applicabili contro il provvedimento di liquidazione dei compensi.

Nel caso di specie, ad un Dottore commercialista veniva affidato l’incarico di amministratore giudiziario di una spa, ex art. 2409 c.c. In relazione ad esso, il Tribunale, con decreto, gli liquidava la somma di oltre 600.000 ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU