X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 24 ottobre 2021

IMPRESA

Nuovi soci senza tutele per la precedente violazione della clausola di prelazione

Il diritto a far valere la violazione spetta ai soci pretermessi, che possono anche rinunciarvi, ma non a chi sia entrato in società solo successivamente

/ Maurizio MEOLI

Giovedì, 3 ottobre 2013

x
STAMPA

download PDF download PDF

In caso di cessione di quote in violazione della clausola statutaria di prelazione, i soci pretermessi possono rinunciare al relativo diritto (e, quindi, all’azione conseguente alla violazione del patto) anche tramite comportamenti concludenti; circostanza che manifesta i suoi effetti nei confronti del soggetto che subentra nella compagine sociale.
A precisarlo è il Tribunale di Catania nell’ordinanza del 2 luglio 2013.

Tizio, socio di una srl nel cui statuto era contenuta una clausola di prelazione, cedeva, nel corso del 2003 (atto iscritto nel Registro delle imprese in data 1° luglio 2003), la propria quota a Caio in violazione della suddetta clausola. Nessuno dei soci promuoveva azione per far valere tale violazione. Due di questi, inoltre, nel corso del 2007, cedevano le proprie ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU