X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 28 settembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

CONTABILITÀ

Titoli del circolante da svalutare nel bilancio 2013

Non è stata prorogata la disposizione derogatoria che consentiva di rilevare i titoli al valore risultante dall’ultimo bilancio approvato

/ Silvia LATORRACA

Martedì, 18 marzo 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

Nel predisporre il bilancio 2013, occorre porre una particolare attenzione nella valutazione dei titoli e delle partecipazioni iscritti nell’attivo circolante.
Come si ricorderà, in relazione agli esercizi dal 2008 al 2012, ha trovato applicazione una deroga ai criteri di valutazione in bilancio dei titoli in esame, per effetto della quale è stato possibile rilevare tali attività, in alternativa:
- in base al minore tra costo di acquisto o di produzione e valore di realizzazione desumibile dall’andamento del mercato, secondo il regime ordinario previsto dal codice civile (art. 2426 comma 1 n. 9 c.c. ) e dai principi contabili nazionali;
- in base al valore di iscrizione risultante dall’ultimo bilancio o dall’ultima relazione semestrale regolarmente approvati, secondo

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU