X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 24 ottobre 2021

IL CASO DEL GIORNO

Ammissibile il deposito «anticipato» del reclamo

/ Alfio CISSELLO

Martedì, 18 marzo 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

Prima delle innovazioni apportate dalla L. 147/2013 all’art. 17-bis del DLgs. 546/92, la mancata presentazione del reclamo avrebbe comportato l’inammissibilità del ricorso.
Ora, invece, detta irregolarità cagiona la semplice improcedibilità del ricorso, che, se eccepita dall’Agenzia delle Entrate, comporta il rinvio dell’udienza.

L’inammissibilità prima, e l’improcedibilità adesso, trovano però applicazione qualora il contribuente, ricevuto un atto reclamabile, notifichi l’impugnazione all’Agenzia delle Entrate e poi si costituisca in giudizio, come se si trattasse di un normale ricorso.
Sostanzialmente, a prescindere dalla denominazione formale dell’atto, nonché dalla sua intestazione, il legislatore ha voluto imporre alle parti un confronto

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU