Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 25 settembre 2022

FISCO

La dichiarazione di fallimento può «bloccare» anche il debito tributario

Per i pagamenti successivi, la Cassazione non esclude che il contribuente, in considerazione del tipo d’imposta, sia esonerato dagli obblighi tributari

/ Stefano COMELLINI

Mercoledì, 4 giugno 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

La possibile estensione al debito tributario dell’inefficacia dei pagamenti successivi alla dichiarazione di fallimento è il tema affrontato dalla Cassazione con la sentenza n. 22912 depositata ieri.

Il giudizio della Suprema Corte è stato indotto dal ricorso di un imprenditore dichiarato fallito con sentenza anteriore alla scadenza del termine previsto per il pagamento dell’IVA annuale. Di qui, la contestazione della violazione di cui all’art. 10-ter del DLgs. 74/2000 e il conseguente sequestro preventivo, impugnato avanti il competente tribunale del riesame che confermava il vincolo.

Il punto di difesa veniva fondato sulla valenza impeditiva dell’obbligo tributario propria della sentenza dichiarativa del fallimento, in ossequio al disposto dell’art. 42, comma 1 ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU