X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 28 settembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Tempi lunghi per lo scambio automatico di informazioni con la Svizzera

La confederazione elvetica non si è ancora impegnata sull’adozione del «Common Reporting Standard»

/ REDAZIONE

Giovedì, 9 ottobre 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

In occasione del Question Time che si è svolto ieri presso la Commissione Finanze della Camera il MEF è stato chiamato a fornire chiarimenti “sulle trattative per la firma di un Accordo tra Italia e Svizzera” in materia di rientro di capitali detenuti in Svizzera da soggetti residenti in Italia.
La questione assume un rilievo non indifferente nell’ottica della cosiddetta voluntary disclosure, da tempo oggetto di dibattito parlamentare. È evidente che l’appeal di tale normativa dipenderà anche da quanto faranno le Autorità elvetiche in materia di trasparenza fiscale e finanziaria.

A tal proposito il Ministero, con la risposta n. 5-03736, ha ricordato che la Svizzera il 6 maggio 2014 a Parigi ha sottoscritto insieme ai Paesi membri dell’OCSE e altri Paesi (complessivamente ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU