Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 17 agosto 2022 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Nei trasferimenti di aziende in crisi vince il mantenimento dei livelli occupazionali

Possibile la deroga all’art. 2112 c.c. e non rileva il fatto che l’impresa non possa essere assoggettata a procedura concorsuale

/ Francesca TOSCO

Giovedì, 18 dicembre 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il principio di “insensibilità” dei rapporti di lavoro alle vicende riguardanti l’azienda cui ineriscano, di cui all’art. 2112 c.c., è derogabile, ai sensi dell’art. 47, commi 4-bis e 5 della L. 428/1990, in tutti i casi in cui un’impresa versi inequivocabilmente – stante il previo accertamento operato da una pubblica autorità – in stato di crisi e, attraverso lo strumento del trasferimento del complesso aziendale, riesca a mantenere, almeno parzialmente, il proprio “standard occupazionale”. Non rileva, invece, ai fini in esame, il fatto che l’impresa in questione non possa essere assoggettata a procedura concorsuale per carenza della condizione di ammissibilità soggettiva di impresa commerciale. È quanto chiarito in uno degli interpelli ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU