X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 28 novembre 2021

IMPRESA

Caso Eternit, annullati i risarcimenti per le vittime dell’amianto

Secondo la Cassazione, il reato di cui all’art. 434 c.p. era estinto per prescrizione maturata anteriormente alla sentenza di primo grado

/ Maria Francesca ARTUSI

Martedì, 24 febbraio 2015

x
STAMPA

download PDF download PDF

Sono state depositate ieri le motivazioni del noto processo Eternit, al termine del quale la Cassazione, con sentenza n. 7941, ha dichiarato l’annullamento senza rinvio “perché il reato era estinto per prescrizione maturata anteriormente alla sentenza di primo grado”.

Va, infatti, ricordato che la procura di Torino aveva costruito l’impianto accusatorio esclusivamente per il reato di cui all’art. 434 c.p. (crollo di costruzioni o altri disastri dolosi), che punisce con la reclusione da uno a 5 anni “chiunque, fuori dei casi preveduti dagli articoli precedenti, commette un fatto diretto a cagionare il crollo di una costruzione o di una parte di essa ovvero un altro disastro, se dal fatto deriva pericolo per la pubblica incolumità”. Il verificarsi dell’ ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU