X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 18 febbraio 2019 - Aggiornato alle 6.00

Fisco

Per dedurre le polizze per rischio morte amministratori sopravvivenza decisiva

Secondo la C.T. Prov. Agrigento, solo se la sopravvivenza è determinante per il proseguimento dell’attività verrebbe rispettato il requisito dell’inerenza

/ Pamela ALBERTI

Giovedì, 17 novembre 2016

Sono deducibili in capo ad una società in accomandita semplice i premi pagati per la polizza relativa al rischio di morte dell’amministratore soltanto qualora la sopravvivenza in vita dell’assicurato assuma un rilievo decisivo o, quantomeno, determinante per la sopravvivenza stessa dell’attività economica. È quanto emerge dalla C.T. Prov. Agrigento n. 1840/7/15, in merito ad una controversia relativa alla possibilità di dedurre i premi pagati da una sas per una polizza di assicurazione in caso di morte “key-man a vita intera” in cui l’assicurato è il socio accomandatario e il beneficiario della polizza è la società stessa.

In linea generale, la deducibilità dal reddito d’impresa dei premi delle polizze stipulate per il rischio di morte o invalidità degli ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU