X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 9 aprile 2020 - Aggiornato alle 12.50

FISCO

Riscossione frazionata alla prova della rottamazione dei ruoli

La rottamazione non dovrebbe cagionare l’estinzione di tutto il processo, ma solo della parte rottamata

/ Alfio CISSELLO

Sabato, 26 novembre 2016

In pendenza di contenzioso, per molte imposte vige il sistema della riscossione frazionata, basti pensare alle imposte sui redditi, all’IVA, all’IRAP, all’imposta di registro sul maggior valore accertato e all’imposta di successione.
A livello generale, ciò deriva dalla combinazione del sistema impositivo di riferimento (per le imposte sui redditi, l’IVA e l’IRAP si veda l’art. 15 del DPR 602/73) con gli artt. 68 del DLgs. 546/92 e 19 del DLgs. 472/97.

Se il processo pende in primo grado, il ruolo o il carico riguarda spesso il solo terzo delle imposte, dunque c’è poco interesse alla definizione, siccome essa causa lo stralcio di tutte le sanzioni amministrative e degli interessi di mora.
Di contro, se si è in secondo grado l’esazione riguarda ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU