X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 1 ottobre 2020 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Le fusioni alla prova degli utili pregressi

/ Emanuele LO PRESTI VENTURA

Lunedì, 21 agosto 2017

x
STAMPA

download PDF download PDF

A seguito di una fusione o di una scissione, la società avente causa deve interrogarsi sulla natura fiscale dell’eventuale aumento di patrimonio netto così registrato, a prescindere dalla posta contabile di relativa imputazione: in particolar modo, tale società deve risolvere il quesito se ed in che misura si tratta di una posta fiscalmente di utili o di capitale, alla luce delle differenze che accompagnano la relativa distribuzione in capo al socio e dei correlati obblighi segnaletici in dichiarazione. La tematica si complica ulteriormente se la società scissa, incorporata o fusa aveva in dote voci in sospensione d’imposta, almeno fintantoché si voglia evitare il sorgere del relativo presupposto di tassazione.

L’art. 172 commi 5 e 6 del TUIR disciplina l’argomento in ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU