X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 28 novembre 2021

FISCO

Il riporto delle perdite pregresse resiste all’omessa dichiarazione

Per il riporto la «catena» delle dichiarazioni può essere interrotta

/ Antonio NICOTRA

Martedì, 6 marzo 2018

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’omissione della dichiarazione non osta al riporto a nuovo delle perdite fiscali, in quanto l’art. 84 del TUIR non impone una serie ininterrotta di dichiarazioni al fine di riportare le perdite.

Tale principio, assolutamente coerente con le modifiche del DL 193/2016 (che consentono la difesa in sede contenziosa in presenza di qualsiasi errore od omissione dichiarativa), è stato affermato nella sentenza n. 4476/1/17 del 30 giugno 2017 dalla Commissione tributaria provinciale di Milano, che così ritorna sul tema controverso della prevalenza della “sostanza sulla forma”, ponendosi nel solco interpretativo recentemente avanzato anche dalla giurisprudenza di legittimità in tema di emendabilità della dichiarazione fiscale e di riconoscimento del credito derivante da dichiarazione

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU