X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 28 settembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Avviso di recupero non preceduto da contraddittorio preventivo legittimo

Depone a favore, secondo la Cassazione, la natura prodromica rispetto all’avviso di accertamento

/ Antonio NICOTRA

Lunedì, 23 aprile 2018

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’art. 1 della legge n. 311/2004 (commi da 421 a 423) dispone che attraverso l’avviso di recupero l’Amministrazione finanziaria procede alla riscossione dei crediti indebitamente impiegati, anche in compensazione (art. 17 del DLgs. 241/1997).

Si osserva generalmente che gli avvisi di recupero dei crediti d’imposta costituiscono manifestazione di una volontà impositiva dell’ufficio e assumono, pertanto, natura sostanzialmente “accertativa” di una pretesa tributaria ormai definita.
La giurisprudenza di legittimità ha, infatti, costantemente ribadito la sostanziale equiparazione tra l’atto di recupero del credito di imposta e l’avviso di accertamento, anche ai fini dell’applicazione del termine previsto dall’art. 12, comma 7, L. n. ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU