X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 26 settembre 2020 - Aggiornato alle 6.00

PROFESSIONI

Società tra avvocati solo con il modello del nuovo Ordinamento forense

Per le Sezioni Unite l’art. 4-bis della L. 247/2012 sostituisce il previgente modello della snc tra avvocati di cui all’art. 16 e ss. del DLgs. 96/2001

/ Gianpaolo VALENTE

Venerdì, 20 luglio 2018

x
STAMPA

download PDF download PDF

Le Sezioni Unite della Cassazione, con la sentenza n. 19282 depositata ieri, si sono espresse in relazione al rigetto dell’istanza di iscrizione all’Albo di uno studio legale società professionale in accomandita semplice, costituito tra due avvocati e un terzo socio laureato in economia (con una partecipazione del 20%).

Nello specifico, il Consiglio nazionale forense – rigettando il ricorso contro una delibera del 2013 del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Perugia – aveva ritenuto inapplicabile la disciplina in materia di società tra professionisti di cui all’art. 10, commi da 3 a 11, della L. 183/2011 e vigente il divieto di società multidisciplinari per gli avvocati contenuto nell’art. 5 della L. 247/2012.

Come ricostruito dalle Sezioni Unite della Cassazione, ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU