X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 1 dicembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Opzione per la compensazione in luogo del rimborso senza perdita del diritto

L’errore è essenziale e riconoscibile, e può essere fatto valere in sede contenziosa senza preclusioni di sorta

/ Alfio CISSELLO

Martedì, 28 agosto 2018

x
STAMPA

download PDF download PDF

Nonostante, dopo il DL 193/2016, sia ormai pacifica la possibilità di emendare, in sede contenziosa, l’errore dichiarativo, è ancora molto cospicuo il contenzioso sul punto.

Spesso, infatti, si assiste ad una ingiustificata opposizione del Fisco su errori che consistono in una semplice barratura di una casella in dichiarazione in luogo di un’altra, fattispecie in cui è oggettivo che non vi è alcun intento di evasione.
Il caso, non poi così raro, si può presentare quando, magari nell’ultima dichiarazione presentata da una società cancellatasi dal Registro delle imprese, ma anche in altri frangenti, il contribuente, intendendo chiedere a rimborso un credito IVA o imposte sui redditi, per errore barra la casella sulla compensazione e non quella sul rimborso, pur avendo indicato

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU